Aderente a

 

English translations of ANGSA Lombardia texts by Dino Bressan and Jacqueline Walters, Melbourne, Australia

Ritorna alla pagina iniziale
freccia

Caratteristiche dell'autismo, cause, come si può trattare

Chi siamo: ANGSA Nazionale, ANGSA Lombardia, cronistoria

Componenti il Comitato scientifico di ANGSA

Elenco ultimi  numeri stampati

Bibliografia essenziale per l'autismo

Sedi territoriali ANGSA, Aziende Sanitarie Locali, Strutture di ricovero in Lombardia, Poli Sperimentali per l'Autismo in Lombardia, Scuole ed Enti Specialistici aderenti al Progetto "Rete di Scuole per l'Autismo"

Come contattare ANGSA Lombardia onlus

Ritorna alla pagina precedente

Progetto Filippide

www.progettofilippide.it         

Opuscolo  AUTISMO E CORSA DI LUNGA DISTANZA

FOTOGALLERY

Il Progetto Filippide è stato ideato e promosso dall'Associazione Sport e Società, costituita nel 1983 dal suo presidente Prof. Nicola Pintus. L'associazione è affiliata al C.I.P. (Comitato Paraolimpico Italiano) e da un ventennio rappresenta un punto di riferimento importante per l'attività sportiva con i disabili.

Il Progetto Filippide nasce dall'intuizione che lo sport e tutti i processi che riguardano la preparazione e la partecipazione ad un evento sportivo, possano essere una valida forma di terapia ed un sostegno per le famiglie degli atleti disabili.

In particolare il Progetto si prefigge di avviare alla disciplina della corsa di lunga distanza ragazze e ragazzi con patologie autistiche conclamate e sindromi correlate e di sviluppare, attraverso il nuoto, le capacità motorie dei bambini più piccoli.


13 dicembre 2013

Si è chiuso così l'Evento Nazionale 2013, con il saluto di Valerio Russo, piccolo atleta del Progetto Filippide, e Damiano Tommasi, noto sportivo con un'inclinazione particolare per le giuste cause. Insieme hanno portato la torcia simbolo delle Olimpiadi Ingrandiscisul palco della Sala Sinopoli dell'Auditorium di Roma, dove si è svolta la serata di apertura dell'Evento Nazionale 2013, ispirata alle origini elleniche dei giochi sportivi che più di ogni altro avvenimento uniscono popoli e culture. C'è un'altra torcia meno ricorrente nella memoria collettiva ma altrettanto carica di significato, così negli ideali che ne hanno ispirato i creatori, che vale la pena ricordare in questo breve preambolo al racconto dell'Evento che  preferiamo come al solito offrirvi attraverso le immagini, più eloquenti di ogni parola. La fiaccola sorretta dalla Statua della Libertà di New York, rappresenta il fuoco che arde eterno dentro ogni uomo libero dalla schiavitù dei pregiudizi, la fiamma della solidarietà. E' stato forse questo il vero tema conduttore dell' Evento Nazionale  2013 del Progetto Filippide che si è concluso felicemente con la seconda edizione della Run for Autism, alla quale hanno preso parte migliaia di persone e atleti. Insieme senza distinguo.

Solidarietà come quella del corpo di ballo dell'Accademia nazionale di danza che ha deliziato il pubblico con emozionanti coreografie; dei tanti altri artisti intervenuti per regalare a tutti i presenti una serata indimenticabile; delle Istituzioni, che da un pò di tempo a questa parte si ritrovano spesso sotto lo sguardo critico di un'opinione pubblica sfiduciata, in molti casi a ragione, rischiando tuttavia un'ingiusta generalizzazione. Ne citiamo i nomi non per piaggeria ma per rendere la dovuta riconoscenza alla presenza affatto scontata: il sindaco di Roma Ignazio Marino, l'Assessore ai Lavori Pubblici e alle Periferie di Roma Capitale, Paolo Masini, il dott. Angelini dell'Assessorato alle politiche sociali di Roma Capitale, il Presidente e il vice Presidente del II Municipio, Giuseppe Gerace e Emanuele Gisci, il Presidente del III Municipio, Paolo Marchionne, l'amico ex Consigliere di Roma Capitale Federico Rocca.


9 dicembre 2012

La prima edizione della Run for Autism è stata un successo che ha superato ogni aspettativa, con i suoi quasi mille partecipanti. Duecento atleti del Progetto Filippide provenienti da tutta Italia, hanno corso insieme agli altri sportivi presenti e alle tante famiglie che hanno preso parte alla gara non competitiva di 2 km.

Promotore della manifestazione, il Progetto Filippide insieme a diverse società sportive della città, con la collaborazione di Roma Capitale, sotto il patrocinio del Parlamento e della Commissione europea. Decine di volontari della Protezione Civile e del mondo scout ne hanno garantito il suo tranquillo svolgimento.

Il comico Antonio Giuliani e la showgirl Milena Miconi hanno dato il via alla gara, partita dallo stadio di atletica Paolo Rosi a Roma. In testa ai più forti, il campione mondiale di Ultra Maratona che ha tagliato per primo il traguardo. Gli atleti dei gruppi sportivi dell’esercito e dell’arma dei carabinieri si sono piazzati ai primissimi posti, mentre il campione olimpico Valerio Aspromonte ha preferito mischiarsi tra bambini e genitori nella frazione non competitiva. Così come il Delegato del Sindaco di Roma Capitale On. Federico Rocca che è stato parte attiva durante tutta la fase preparatoria.

Roma è stata la prima capitale europea ad ospitare un evento di questo tipo e gli organizzatori si augurano che altre città importanti possano seguirne l'esempio. Con la speranza che un giorno non servirà più correre per l'autismo, ma solo per il semplice gusto di farlo.

Si ringraziano:

Tutti i partecipanti
Gli atleti del Progetto Filippide
I volontari e gli operatori del Progetto Filippide
Roma Capitale
Fidal
La Corsa di Miguel
LBM Sport
Podistica Solidarietà
Sport Against Violence
Cat Sport
Villa Ada Green Runner
Reti Runners Footworks
ACSI Campidoglio Palatino
Croce Rossa Italiana
Protezione Civile
Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti
Gli scout
New Balance
TDS - Time Data Services
Molecole Web Agency
Krea L'Idea
Little Big Town
Acqua Claudia
Il ristorante Gina
Buddyevent
Forno Agostini
Pierdante Romei per i servizi fotografici


Nicola Pintus e Alberto: Correre insieme dal Tibet al Polo Nord.

L'impossibile diventa possibile: come l'amicizia ed il comune interesse porta un ragazzo autistico, che non parlava dall'età di 3 anni, ad aprirsi sempre di più diventando socievole e compiendo imprese difficili anche per soggetti "normodotati".

Articolo da OMBRE LUCI 

(rivista cristiana delle famiglie e degli amici di persone handicappate e disadattate
n° 1 - anno XXII gen-mar 2004)


FOTOGALLERY

Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci Ingrandisci

 

Aggiornato al 13 dicembre 2013

webmaster al.bo.

Inizio pagina