Aderente a

English translations of ANGSA Lombardia texts by Dino Bressan and Jacqueline Walters, Melbourne, Australia

Ritorna alla pagina iniziale
freccia

Caratteristiche dell'autismo, cause, come si può trattare

Chi siamo: ANGSA Nazionale, ANGSA Lombardia, cronistoria

Componenti il Comitato scientifico di ANGSA

Elenco ultimi  numeri stampati

Bibliografia essenziale per l'autismo

Sedi territoriali ANGSA, Aziende Sanitarie Locali, Strutture di ricovero in Lombardia, Poli Sperimentali per l'Autismo in Lombardia, Scuole ed Enti Specialistici aderenti al Progetto "Rete di Scuole per l'Autismo"

Come contattare ANGSA Lombardia onlus

Ritorna alla pagina precedente

Coordinamento delle Organizzazioni per l’autismo
della Regione Lombardia

Delibera della Giunta Regionale n° 392 del 12 luglio 2013
"ATTIVAZIONE DI INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE FAMIGLIE CON LA PRESENZA DI PERSONE CON DISABILITÀ,
CON PARTICOLARE RIGUARDO AI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO E DELLO SPETTRO AUTISTICO"

Dalla prima lettera del 16 febbraio 2013, sottoscritta da sette organizzazioni lombarde, indirizzata a tutti i candidati alla carica di Presidente della Regione Lombardia in occasione delle elezioni regionali del 24/25 febbraio, alla successiva lettera del 12 aprile 2013, sottoscritta da tredici organizzazioni, inviata al neo eletto Presidente Roberto Maroni, si è pervenuti all'incontro del 5 luglio 2013 con Maria Cristina Cantù, Assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale e Volontariato, cui è seguita la Delibera della Giunta Regionale n° 392 del 12 luglio 2013, con la quale viene data attuazione ad interventi a sostegno delle famiglie con la presenza di persone con disabilità, con particolare riguardo ai disturbi pervasivi dello sviluppo e dello spettro autistico.

Obiettivo del provvedimento è quello di:

Scarica le due lettere inviate alla Regione Lombardia

Scarica il documento

Scarica la DGR 392 del 12 luglio 2013

Lettera inviata il 12 Aprile 2013 a Regione Lombardia 
sottoscritta da 13 associazioni
con all. precedente lettera inviata
ai candidati alla Presidenza

"Autismo: criticità sul percorso riabilitativo"
Documento consegnato
all'incontro del 5 luglio 2013 in Regione 

D.G.R. n° 392 del 12 luglio 2013


Autismo, la Lombardia si impegna a chiederne il «riconoscimento» all'Inps

MILANO. Una risoluzione votata all'unanimità il 17 luglio 2013 dal Consiglio regionale lombardo impegna la Giunta ad attivarsi presso il ministero della Salute affinché inserisca i disturbi autistici tra le patologie riconosciute dall'Inps per i benefici connessi, come l'accompagnamento; chiede, inoltre, che si prosegua per stabilizzarle ed estenderle le sperimentazioni condotte negli scorsi anni, e che tramite le Asl attivi corsi per i pediatri volti a facilitare la diagnosi precoce.

Scarica il documentoSoddisfatto il consigliere regionale Gian Antonio Girelli (Pd) che da anni segue il problema. «Questa risoluzione - dichiara Girelli - é una prima presa d'atto dell'importanza del tema dell'autismo e segue un percorso iniziato già nella scorsa legislatura. Purtroppo esiste una carenza nella legislazione nazionale ma anche in quella regionale, e dunque la risoluzione va letta come un impegno molto forte del Consiglio verso l'approvazione di una legge quadro che metta a sistema interventi che vanno dalle politiche sociali a quelle sanitarie, dalla scuola allo sport, all'inserimento al lavoro».

Secondo l'esponente del Pd lombardo, infatti, «la legge serve anche a passare dalle sperimentazioni, che sono state importanti, a misure continuative, estese su tutto il territorio regionale. Una diagnosi precoce e l'accompagnamento nel percorso scolastico e post scolastico possono cambiare sensibilmente la qualità della vita di queste persone e delle loro famiglie, che oggi sono sole di fronte a disagi immensi. È un fatto di civiltà, ancor prima che di politica», conclude il consigliere.

«L'autismo in Lombardia - ha spiegato Silvana Santisi Saita (Lega), che ha illustrato la risoluzione - interessa circa 150 mila persone. Una patologia purtroppo in aumento e che necessita di una forte attenzione da parte della Regione e dello Stato per consentire a queste persone di vivere nella maniera migliore possibile». Secondo la Saita servono una buona rete sanitaria e strutture capillari su tutto il territorio regionale: «Il modello di assistenza sperimentato solo in 3 province (Cremona, Milano e Monza) va allargato all'intera Lombardia, in modo da garantire lo stesso livello di servizi a tutti i pazienti». Ma in primo luogo, ha precisato la consigliera, «dobbiamo dare soluzione all'annoso problema con l'Inps: il ministero della Salute deve includere quanto prima i codici identificativi nella classificazione utilizzata dall'Istituto di previdenza affinché venga riconosciuta l'invalidità e quindi l'accompagnamento.

Si tratta di un obiettivo estremamente importante! - ha concluso la Saita - il cui raggiungimento permetterebbe agli affetti da autismo di non recarsi annualmente a rinnovare lo stato di invalidità se dichiarati tali al 100%».

Aggiornato al 10 aprile 2014

webmaster al.bo.

Inizio pagina