Aderente a

English translations of ANGSA Lombardia texts by Dino Bressan and Jacqueline Walters, Melbourne, Australia

Ritorna alla pagina iniziale
freccia

Caratteristiche dell'autismo, cause, come si può trattare

Chi siamo: ANGSA Nazionale, ANGSA Lombardia, cronistoria

Componenti il Comitato scientifico di ANGSA

Elenco ultimi  numeri stampati

Bibliografia essenziale per l'autismo

Sedi territoriali ANGSA, Aziende Sanitarie Locali, Strutture di ricovero in Lombardia, Poli Sperimentali per l'Autismo in Lombardia, Scuole ed Enti Specialistici aderenti al Progetto "Rete di Scuole per l'Autismo"

Come contattare ANGSA Lombardia onlus

Ritorna alla pagina precedente

Perché a volte succede diversamente

agosto 2010

Stamattina decido di portare mio figlio E., bimbo speciale di 3 anni e mezzo, a contatto con la natura e con gli animali...decido di portarlo al Parco Faunistico Le Cornelle, in provincia di Bergamo.

Ci armiamo di forza e coraggio (io e il mitico Nonno), ci prepariamo e per tutto il tragitto da casa E. continua a ripetere una solo parola (ciu' ciu'...): avevo tentato di spiegargli che saremmo andati in un parco dove ci sarebbero stati gli animali e dove ci sarebbe stato anche un trenino che ci avrebbe fatto fare un giro panoramico all'interno del parco stesso.

Premetto che mio figlio adora i treni...

La preoccupazione più grande era quella di entrare al parco e dopo 10 secondi uscire immediatamente perché E. potesse spaventarsi della vista ravvicinata degli animali, alcuni tra l'altro, davvero di grosse dimensioni.

Arriviamo all'ingresso; mentre porto E. in bagno, il mitico nonno va a chiedere se ci danno la possibilità, prima di fare i biglietti, di entrare per almeno 10 minuti e vedere quello che sarebbe stata la reazione del bambino.

Assolutamente nessun problema, addirittura ci dicono di stare pure una mezz'oretta...e di tornare con calma, nel caso E- fosse rimasto volentieri all'interno del parco, a pagare i biglietti (tra le altre cose, comunicano sempre al nonno che il bambino non avrebbe pagato ed io, in qualità di accompagnatore, avrei ottenuto il biglietto ridotto).

Tengo a precisare che l'obiettivo della nostra richiesta non era quello di pagare meno o che altro....ma non volevamo buttare via dei soldi a vuoto!

Entriamo dentro...E. è nel passeggino e sembra abbastanza tranquillo... incomincia ad intravedere alcuni animali...ma il suo faccino è davvero tranquillo! C'è solo una cosa che in quel momento sta passando nella testa di mio figlio....arrivare al CIU' CIU'....

Passano più o meno 10 minuti...E. intravede il treno....incomincia ad esultare ...CIU'..CIU'..CIU'..CIU'...

Gli dico che la mamma lo avrebbe portato al treno...e così è stato!

Decidiamo allora che la cosa sembra fattibile e nell'attesa che il trenino parta, il nonno ritorna in biglietteria per pagare.

Il treno finalmente fischia e incomincia a fare il suo giro ed E. è davvero  contento.

Intorno a se vede gli animali ma la sua gioia più grande è data dall'essere seduto su quel meraviglioso treno.

10 minuti...il giro finisce ed E. scende dal treno.

Il nonno è già di ritorno e ci sta aspettando. Al mio arrivo mi riferisce che la Direzione ha deciso di non farci pagare.

Io non so che dire se non chiedere a mio padre se avesse ringraziato. Siamo stati all'interno del parco circa 3 ore e mezza; E. è stato tutto sommato bravo...se non altro le sue urla o le sue a volte agitazioni erano date da un ambiente mai visto, dalla tanta gente che circolava e soprattutto forse dal fatto che continuava ad intravedere il trenino che proseguiva a fare i suoi giri per tutti gli altri ospiti.

All'uscita del parco sono andata personalmente a ringraziare la ragazza che ci aveva accolti la mattina. Il mio ringraziamento ovviamente non era per aver avuto accesso al parco in maniera gratuita, ma perché allora è vero che ci sono dei posti e soprattutto delle persone che conoscono la parola SOLIDARIETA'.

E' stata una giornata meravigliosa.

G.S.

Aggiornato al 30 agosto 2012

webmaster al.bo.

Inizio pagina