Aderente a

English translations of ANGSA Lombardia texts by Dino Bressan and Jacqueline Walters, Melbourne, Australia

Ritorna alla pagina iniziale
freccia

Caratteristiche dell'autismo, cause, come si può trattare

Chi siamo: ANGSA Nazionale, ANGSA Lombardia, cronistoria

Componenti il Comitato scientifico di ANGSA

Elenco ultimi  numeri stampati

Bibliografia essenziale per l'autismo

Sedi territoriali ANGSA, Aziende Sanitarie Locali, Strutture di ricovero in Lombardia, Poli Sperimentali per l'Autismo in Lombardia, Scuole ed Enti Specialistici aderenti al Progetto "Rete di Scuole per l'Autismo"

Come contattare ANGSA Lombardia onlus

Ritorna alla pagina precedente

OMAGGIO AI MEDICI CHE CI HANNO AIUTATI

  
     
 

Vorrei esprimere la mia riconoscenza a tutti quei professionisti che hanno saputo :

  1. Prendere il tempo di parlare con noi, utilizzando parole che potessimo capire.

  2. Essere sinceri con noi, perché anche noi potessimo essere sinceri con loro.

  3. Aiutarci ad affrontare la realtà, anche la più spiacevole, in modo positivo, costruttivo, ottimista; ma senza nascondercela: abbiamo potuto conservare fiducia in loro.

  4. Avere la franchezza di dirci: «questo non lo so». Noi genitori stimiamo i medici onesti, non quelli che si fingono onniscienti.

  5. Aiutarci ad incontrare altri genitori con esperienze simili alle nostre: il migliore aiuto psicologico viene dalle persone che possono capirci perché «ci sono già passate».

  6. Restituirci diagnosi e rapporti scritti: saranno preziosi per tutta la vita dei nostri figli, perché ciò che importa non è soltanto come saranno, ma anche il confronto con quello che erano.

  7. Chiarire a noi, ed anche agli altri medici, agli psicologi ed agli insegnanti, i limiti degli esami, analisi, test cui hanno sottoposto i nostri figli: che cosa potevano misurare, che cosa no.

  8. Se gli esami, analisi, test, non hanno rivelato anomalie, evitare di dire : «il bambino non ha niente»; scrivere invece: «il tale esame, praticato in tale data, in tali condizioni, è risultato negativo».

  9. Avere pazienza quando siamo andati a consultare altri specialisti: se avessero manifestato insofferenza al riguardo, ci saremmo comunque andati di nascosto…

  10. Prendere nota di quello che abbiamo detto loro dei nostri figli, anche se non era previsto dai loro protocolli o dai loro manuali di farmacologia: registrare solo le conferme di quanto già si conosce non permette di acquisire nuove conoscenze.

  11. Che il loro esempio possa illuminare tutti i colleghi che incontrano «difficoltà relazionali» con i genitori di bambini disabili…

Luciana Bressan

Aggiornato al 30 agosto 2012

webmaster al.bo.

Inizio pagina