Aderente a

English translations of ANGSA Lombardia texts by Dino Bressan and Jacqueline Walters, Melbourne, Australia

Ritorna alla pagina iniziale
freccia

Caratteristiche dell'autismo, cause, come si può trattare

Chi siamo: ANGSA Nazionale, ANGSA Lombardia, cronistoria

Componenti il Comitato scientifico di ANGSA

Elenco ultimi  numeri stampati

Bibliografia essenziale per l'autismo

Sedi territoriali ANGSA, Aziende Sanitarie Locali, Strutture di ricovero in Lombardia, Poli Sperimentali per l'Autismo in Lombardia, Scuole ed Enti Specialistici aderenti al Progetto "Rete di Scuole per l'Autismo"

Come contattare ANGSA Lombardia onlus

Sei in questa pagina   

Leggi, Decreti, Circolari e Guide

Normativa pubblicata nel sito

 

La consultazione della normativa elencata in questa pagina può essere utile per la ricerca di particolari tematiche, anche non strettamente riguardanti le disabilità, senza alcuna pretesa di poter esaurire gli argomenti.

Per una più capillare consultazione si consiglia di visitare anche il sito specialistico www.handylex.org

Un elenco particolareggiato di altri siti di interesse è visibile alla pagina Links

 

 

INDICE

Si proseguirà nell’attuazione del Piano d’Azione Regionale 2010-2020 per le persone con disabilità con particolare attenzione ai minori e alle fragilità psichiche. Per assicurare il diritto a vivere nella società con piena libertà di scelta, Regione Lombardia individuerà soluzioni organizzative e strumenti per la presa in carico della persona con disabilità, la sua valutazione complessiva, il sostegno e l’accompagnamento nella costruzione e realizzazione del suo progetto di vita. L’obiettivo finale è ricomporre i servizi erogati alla persona con disabilità, tracciandone l’efficacia, al fine di riorientare le politiche regionali, quando necessario. Specifici interventi saranno da dedicare ai bambini e agli adulti con disturbi pervasivi dello sviluppo (autismo), che impegnano le famiglie in modo considerevole sia dal punto di vista delle cure che da quello economico. A tal fine andranno potenziati una presa in carico integrata e un sostegno all’impegno famigliare: andranno sviluppati altresì interventi per il durante e dopo di noi, a titolo esemplificativo e non esaustivo riguardo alle diverse disabilità fra cui, ad esempio vita indipendente, SLA, etc.

...

La presa in carico globale della persona e della famiglia, che passa attraverso l’adozione di un modello di valutazione del bisogno, omogeneo per tutto il territorio, prevede anche la semplificazione dell’accesso ai servizi sociali e sociosanitari tramite la creazione di uno Sportello Unico per il Welfare. Lo Sportello Unico per il Welfare sarà la sede per la valutazione multidimensionale del bisogno, la classificazione dell’utente e la ricomposizione della risposta, valutando la situazione economica per eventuali compartecipazioni (dove richieste nel rispetto dei LEA). Lo Sportello accompagnerà la persona nella scelta dell’erogatore e nel contatto con lo stesso nel pieno rispetto della libera scelta del cittadino. Ciò attraverso un coinvolgimento diffuso dei diversi livelli di responsabilità istituzionale, della comunità e della pluralità di soggetti che già operano nel contesto territoriale.

Aggiornato al 5 gennaio 2016

webmaster al.bo.

Inizio pagina