Aderente a

English translations of ANGSA Lombardia texts by Dino Bressan and Jacqueline Walters, Melbourne, Australia

Ritorna alla pagina iniziale
freccia

Caratteristiche dell'autismo, cause, come si può trattare

Chi siamo: ANGSA Nazionale, ANGSA Lombardia, cronistoria

Componenti il Comitato scientifico di ANGSA

Elenco ultimi  numeri stampati

Bibliografia essenziale per l'autismo

Sedi territoriali ANGSA, Aziende Sanitarie Locali, Strutture di ricovero in Lombardia, Poli Sperimentali per l'Autismo in Lombardia, Scuole ed Enti Specialistici aderenti al Progetto "Rete di Scuole per l'Autismo"

Come contattare ANGSA Lombardia onlus

Ritorna alla pagina precedente

Excursus Gruppo Genitori

Premessa

Nel novembre 2004, mentre era ancora in carica l’ex Dirigente Scolastico Dott. G., i Sig.ri S. vennero scelti e contattati come genitori “campione”, per un confronto fra le loro aspettative di genitori di un figlio con grave disabilità e il mondo della scuola. Da quel primo incontro emersero le prime proposte di collaborazione con il GLH (Gruppo Lavoro Handicap), costituito da docenti che già operavano a favore dell’integrazione di alunni con “bisogni speciali”.

31 Maggio 2005

Primo incontro del GLH, aperto ai genitori i cui figli con disabilità sono già seguiti dall’insegnante di sostegno. Durante questo incontro, che vede la partecipazione di una decina di mamme e papà, scaturiscono soprattutto i vissuti personali legati alle proprie diverse esperienze di genitori. Da parte di alcuni dei presenti nasce poi il desiderio di rincontrarsi, con l’intento di approfondire la conoscenza personale, condividere le problematiche legate alla disabilità ed essere propositivi nei confronti della scuola. Successivamente, queste proposte vengono accolte favorevolmente dal GLH e dal nuovo Dirigente Scolastico Prof. A., che ci autorizza ad utilizzare un’aula della scuola media da destinare ai periodici incontri serali.

29 novembre 2005

Da parte dei Sig.ri S. viene proposta alla Commissione GLH un’iniziativa: un concorso che veda la partecipazione attiva degli alunni coordinati dai docenti, con l’obiettivo di monitorare l’attenzione alle varie disabilità. Su indicazione del Collegio Docenti, l’iniziativa prende vita sotto forma di visione di due film (“La gabbianella e il gatto” per la scuola primaria – “Basta guardare il cielo” per la secondaria di primo grado), seguita da una discussione in classe.

31 gennaio 2006

Primo incontro ufficiale del Gruppo Genitori, durante il quale la Commissione GLH fa esplicita richiesta di avere dei nominativi, indicati dal Gruppo stesso, a cui la Commissione possa far riferimento.

4 aprile 2006

Secondo incontro del Gruppo Genitori. Durante l’incontro vengono raccolti i nominativi dei referenti del Gruppo, richiesti dalla Commissione GLH. Nascono le prime iniziative per favorire l’inserimento di alunni con “bisogni speciali” (vedi lettera di presentazione del Gruppo ai genitori).

5 ottobre 2006

Terzo incontro. Prendono sempre più corpo varie iniziative da proporre durante il corso dell’anno scolastico 2006-2007. In particolare, la presenza di genitori nominati allo sportello dedicato, in occasione dell’Open Day del 16 dicembre. Fra le altre iniziative:

  1. la proposta di lettura del libro “Il mago delle formiche giganti”, da cui è stato anche tratto lo slogan del Gruppo Genitori: “A scuola tutti uguali, tutti diversi”;

  2. la proposta di incontro tra la Commissione GLH, il Gruppo Genitori, gli Enti locali e i Servizi socio-sanitari del territorio.

M. S.


Genitori e scuola: un lavoro di gruppo

Dopo un primo significativo periodo di attività, noi componenti del Gruppo Genitori desideriamo riassumere la nostra esperienza, anche per chi non ha ancora avuto modo di incontrarci e conoscerci.

Il nostro gruppo è nato ufficialmente il 4 aprile 2006, come risposta concreta all’invito ad una partecipazione più attiva dei genitori da parte della Commissione GLH (Gruppo Lavoro Handicap), già operante all’interno dell’Istituto Comprensivo per una migliore integrazione degli alunni con “bisogni speciali”. E non solo, perché la “H” di GLH non sta unicamente per “handicap grave”, ma vuole comprendere un’attenzione più ampia ai problemi di apprendimento, comportamentali, e a quelli derivati da differenze culturali, sociali e religiose, nonché a disagi di varia natura.

Durante il periodo aprile 2006 – maggio 2007 è stata promossa dal nostro gruppo una serie di iniziative, a partire da questi obiettivi:

All’atto pratico, questo impegno si è tradotto nella raccolta di proposte scaturite da diversi componenti del gruppo e accolte favorevolmente dall’Istituto, con la cui collaborazione si sono realizzati:

  1. Visione di film a cui è seguita la discussione nelle classi.

  2. Rappresentazione che ha visto come protagonista un gruppo di disabili appartenenti ad una cooperativa teatrale.

    In questa seconda occasione, i rappresentanti del Gruppo Genitori hanno ricevuto l’invito a partecipare dal Dirigente Scolastico. Dopo lo spettacolo teatrale si sono riscontrati una forte attenzione e un alto coinvolgimento da parte degli alunni, che hanno dato vita ad un intenso dibattito. Questi segnali hanno evidenziato una reale sensibilità della scuola nei confronti della “diversità”.

  3. Percorso di formazione rivolto a tutti i genitori, anche non appartenenti al nostro gruppo, tenuto da specialisti e articolato in due incontri.

Il primo, dedicato ai disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), con particolare approfondimento sulla dislessia. Il secondo, riguardante il fenomeno del bullismo, che ha visto una notevole partecipazione e a cui è seguito un vivace dibattito. Fra il pubblico si è notata anche la presenza di un buon numero di insegnanti.

L’intento del nostro gruppo è di proseguire il ciclo di incontri con nuovi appuntamenti, il primo dei quali è in programma per il periodo settembre-ottobre 2007, in concomitanza con l’inizio del nuovo anno scolastico. Si parlerà di sport e disabilità. Per coinvolgere sempre di più i rappresentanti delle istituzioni, l’invito sarà esteso anche agli Assessori allo Sport e ai Servizi Sociali dei quattro comuni afferenti all’Istituto Comprensivo di Appiano Gentile.

Siamo convinti che allargare l’area di coinvolgimento alle istituzioni consenta di migliorare il processo di integrazione, che resta l’obiettivo primario del Gruppo Genitori. Un primo passo in questa direzione è già stato mosso con l’incontro, promosso dal GLH e tenutosi il 29 marzo 2007., che ha visto presenti gli Assistenti Sociali dei comuni afferenti all’Istituto e la Neuropsichiatra Infantile di zona, Dott.ssa A. T. In quell’ambito il Gruppo Genitori, attraverso i propri rappresentanti, si è fatto conoscere, ha posto domande, si è confrontato. Da questi punti è scaturito un percorso di collaborazione.

Per poter realizzare un autentico processo di integrazione è indispensabile la partecipazione attiva di un numero sempre più consistente di genitori, anche quelli che non vivono problematiche specificamente legate alla disabilità. Siamo pronti ad accogliere le proposte, le iniziative, la collaborazione di chiunque voglia dare sempre più forza al nostro impegno.

Il Gruppo Genitori

 

Aggiornato al 30 agosto 2012

webmaster al.bo.

Inizio pagina